E-mail marizquierdo@gmail.com - info@its-internacional.es | Tel. 620 297 355
  • Casa
  • D. ANGEL ALARCON MARTI

Autore: D. ANGEL ALARCON MARTI

PRESIDENTE / PROFESSORE Fondatore della Scuola Internazionale di sopravvivenza E.O.I.T.

video: Giacca Ventrix, The North Face ¿Calor regolabile?

video: Giacca Ventrix, The North Face ¿Calor regolabile?

Il nuovo sistema Ventrix permette di regolare il calore a seconda che siamo disoccupati o attivi..
Il sistema Ventrix, di La parete nord, permette l'autoregolazione del calore a seconda che siamo in piedi o attivi.

Ingresso, Si tratta di una giacca imbottita in fibra, simile ai moderni design atletici che possono essere utilizzati come 2 ° o 3 ° strato. Ma al suo interno incorpora una differenza fondamentale: tutta la fibra interna è piena di microforature, simile a un taglio con una lama.

Quando ci alziamo, queste perforazioni rimangono chiuse, e la giacca è uguale a tutte le altre.

Ma nel momento in cui ci muoviamo, la fibra, allungando e contraendo, aprire e chiudere queste perforazioni, permettendo al calore e all'umidità di fuoriuscire. Ecco come viene regolata la temperatura interna.

La chaqueta Ventrix de The North Face ha sido probado como capa interior en situaciones de mucho frío, con buoni risultati. così, David Göttler lo indossava quando ha scalato la parete sud dello Shisha Pangma en alpino en 13 ore accanto a Hervé Barmasse.

 

Da parte nostra, nelle condizioni di questo autunno, siamo riusciti a testarlo in diversi giorni, e senza dubbio, il regolamento è evidente. Ciò non significa che possa essere indossato in ogni momento.: in situazioni fredde, eviteremo di dover togliere e indossare vestiti così spesso, e ci aiuterà a evitare il surriscaldamento.

tuttavia, Ciò non significa che smetta di essere un indumento caldo. Quello che fa è migliorare il nostro comfort nelle situazioni in cui è necessaria una giacca.

Chaquetas Ventrix The North Face

Ver Productos

 

 

RIFERIMENTO- BIOGRAFIA.

Elementi essenziali per lo sci alpinismo. Tutto il materiale e i consigli per i tuoi viaggi – Barrabes.com

Negozio Web: www.barrabes.com
Negozi di Barrabes: Barcellona, Benasque, Jaca, Madrid O’Donnell, Ribera de Tanners di Madrid, Saragozza.

 

Elementi essenziali per lo sci alpinismo. Tutto il materiale e i consigli per i tuoi viaggi

Lo sci di montagna sta guadagnando più seguaci ogni giorno. In questo articolo spieghiamo tutto il materiale necessario e obbligatorio per la tua pratica, con altri suggerimenti per la sicurezza.
Esquí de travesía en el Pirineo. Foto: José Antonio Canela

Sci alpinismo nei Pirenei. La foto: José Antonio Canela

Sci di montagna, Una nuova moda?

Dicono che lo sci alpinismo sia di moda. Non siamo molto d'accordo: una moda è qualcosa che va e viene, eppure pensiamo che la crescita nella pratica dello sci di montagna sia destinata a restare. Non qualcosa di nuovo; è una crescita sostenuta per molti anni.

È vero che, fino a due o tre decenni fa, molti e tanti praticanti di alpinismo nel nostro paese non avevano lo sci tra le loro aspirazioni. A poco a poco le cose stavano cambiando, le nuove generazioni hanno imitato le pratiche dei paesi dell'arco alpino, e le tavole divennero un elemento in più degli alpinisti, come sta succedendo oggi. La crescita in pratica è stata spettacolare.

Il successivo grande arrivo di praticanti nel mondo del touring è arrivato dal freeride. Oms, proveniente dallo sci alpino, Hanno cercato le linee fuori dalla stazione e la neve vergine, hanno scoperto i vantaggi di questa pratica, prima come mera approssimazione, in seguito come obiettivo in sé.

Quest'anno, nonostante i confini, lo sci alpinismo ha raggiunto il grande pubblico, con segnalazioni sui mass media, sia audiovisivi che scritti. La ragione? La pandemia ha chiuso molte stazioni, più, in tempi come questo, come si è visto l'anno scorso, i grandi spazi aperti e gli ampi spazi aperti hanno conquistato il favore di un nuovo pubblico.

Questo ha portato ad un interesse per lo sci di fondo da parte di tanti e tanti praticanti alpini., o anche da chi si avvicina allo sci per la prima volta.

Questo articolo è rivolto in particolare a coloro che hanno appena iniziato questa pratica, o coloro che intendono entrarvi. In esso puoi trovare collegamenti ad altri articoli più tecnici, che approfondiscono al massimo ogni tipo di materiale o consiglio.

Esquí de travesía en el Pirineo. Foto: José Antonio Canela

Sci alpinismo nei Pirenei. La foto: José Antonio Canela

Prima di tutto, sicurezza

Lo sci fuoripista è un'attività che richiede una buona tecnica sciistica su neve non trattata, buona forma fisica, ed esperienza e conoscenza della montagna invernale.

cioè: È un'attività che si svolge in un ambiente complicato in cui dobbiamo gestire il nostro rischio.

Sci da pista, tutto il rischio è gestito dalla stazione. Nel momento in cui siamo usciti sulla montagna, oltre alla tecnica dello sci stesso, ci sono molti altri fattori da sapere.

Significa che si tratta di un'attività pericolosa? No. Almeno non più di altri. Succede solo che questo pericolo crei un rischio per noi…che possiamo gestire. E per gestirlo impari, proprio come impari a sciare.

Non è consigliabile a chi ha una buona tecnica di sciare entrare in montagna senza conoscere l'altra parte necessaria per farlo in sicurezza. Così, per poter godere, la prima cosa che dobbiamo fare è allenarci.

Cercheremo corsi di gruppo o privati ​​condotti da guide qualificate. Avremo anche la possibilità di assumere guide per i nostri percorsi. Lentamente, saremo sicuramente autonomi, e tutto questo mentre ci divertiamo molto.

nivologia

La nivologia è essenziale, perché ci permette di gestire il rischio valanghe e di viaggiare in sicurezza su terreno innevato. Sulle piste da sci è la stazione stessa che se ne occupa, quindi non dobbiamo preoccuparci, ma in montagna è qualcosa che ci riguarda.

A lei ci siamo dedicati 3 articoli, che li inizierà in un mondo emozionante:

 

José Antonio Canela comprobando la estabilidad del manto nivoso. Foto: José Antonio Canela

José Antonio Canela verifica la stabilità del manto nevoso. La foto: José Antonio Canela

Materiale essenziale per lo sci alpinismo

1. Tavole da sci alpinismo

Evidentemente, le tavole da sci alpinismo sono diverse. Lo sci alpino non funziona.

Sono complessi, e di molti tipi, e c'è una ragione per questo. Ed è che devono incontrare due qualità opposte:

 

  • Dovrebbero essere il più leggeri possibile, perché altrimenti ci penalizzerebbero molto salendo e quando dobbiamo portarli.
  • Devono avere le caratteristiche necessarie di uno sci da discesa.

El esquí de travesía es ascenso...y descenso. Foto: Daniel Vega

Lo sci alpinismo è una salita…e discesa. La foto: Daniel vega

Ecco perché ce ne sono di molti tipi. Alcuni più orientati all'ascesa, e questo ci aiuterà meno in discesa, e altri più orientati alla discesa, che ci penalizzerà qualcosa di più nelle salite.

Salomon MTN Explore 88, tablas de esquí de travesía polivalentes

Salomon MTN Esplora 88, tavole da sci alpinismo polivalenti

E tra questi due estremi, un intero mondo che spieghiamo in questo articolo, Come scegliere le tue tavole da sci alpinismo

 

 

2. Fissaggi

Poiché gli sci da alpinismo sono adatti sia per la salita che per la discesa, un attacco da scialpinismo o da scialpinismo deve permettere al tallone di separarsi dalla tavola, basculante dalla punta, facilitando così l'azione di camminare con gli sci paralleli su piane e salite.

Quando si affronta la discesa, il tallone è fissato alla tavola come in un attacco da sci alpino.

cioè, che hanno due posizioni, che ti permettono di salire con loro "camminando", e scendi con loro come un attacco da sci alpino. Devono essere leggeri e molto resistenti.

Puntera y talonera de fijación Atk Haute Route 10

Ce ne sono di diversi tipi. Conoscere tutti questi ragazzi, le loro differenze, vantaggi e svantaggi, e molte altre cose importanti, podéis leer el artículo Come scegliere gli attacchi da sci alpinismo

 

 

3. Scarponi da sci alpinismo

Un altro elemento complesso.

Quando si pratica lo sci di fondo, non sempre saremo in grado di effettuare tutte le nostre salite sulle tavole: quando la pendenza si complica, o in aree un po 'tecniche, potremmo dover togliere le tavole e continuare a piedi o arrampicarci., utilizzando i ramponi.

cioè: gli scarponi da sci alpinismo devono raddoppiare come scarponi da trekking.

Zonas alpinas sin tablas en esquí de travesía, botas con crampones: Foto: Scarpa

Aree alpine senza tavole nello sci fuoripista, stivali con i ramponi: La foto: Scarpa

Quindi devono essere molto più leggeri dello sci alpino, e la suola deve essere molto simile a quelle di montagna. E tutto questo, permettendo, decrescente, comportarsi come uno scarpone da montagna.

Dynafit TLT8 Expedition CR Woman, bota de esquí de travesía

Dynafit TLT8 Expedition CR Donna, scarpone da sci alpinismo

Ci sono ancora alcuni minimalisti per l'arrampicata più veloce, e altri vicini al freeride. Con un altro mondo tra i due estremi, que podéis conocer en el artículo Come scegliere gli scarponi da sci alpinismo.

 

 

Incompatibilità tra scarponi e attacchi

È necessario essere molto chiari quando si acquista l'attrezzatura da scialpinismo che, a differenza di quanto accade nello sci alpino, numerose sono le incompatibilità tra scarponi da scialpinismo e attacchi che ne rendono totalmente impossibile l'utilizzo.

Per avere un'idea dell'importanza di questo problema, in questo momento ci sono 7 tipi di associazioni e 9 diversi tipi di stivali. Non tutti sono incompatibili tra loro, ma molti sì.

In questo articolo spieghiamo tutto, così non hai problemi, e vi diciamo anche perché questo maremagnum di materiale; non è qualcosa di casuale: Compatibilità e incompatibilità tra scarponi e attacchi da scialpinismo

4. Pelli di foca

Le pelli di foca sono l'elemento che ci permette di salire su pendii innevati, anche con pendii molto ripidi, con le nostre tavole da sci.

Scivolo per tavole da sci. Quindi se proviamo a inventarli, pattineremo all'indietro.

Per evitare ciò, vengono utilizzate pelli di foca, al giorno d'oggi, evidentemente, sono sintetici.

Questa simulazione del sigillo di pelliccia è posizionata sotto le nostre tavole. Per orientamento obliquo dei capelli, scorrere in avanti, ma non all'indietro; essere "contro il grano", le tavole sono fissate nella neve.

E se: ogni volta che iniziamo a salire, devi metterli. E nel momento in cui iniziamo a scendere, devi rimuoverli. Questa è chiamata transizione, e potrebbe essere necessario eseguire l'operazione alcune volte su ciascuna uscita. La pratica è molto veloce, praticamente in pochi secondi.

 

 

5. Caschi da sci alpinismo

Un casco da arrampicata non copre completamente le esigenze dello sciatore di scialpinismo; uno di sci neanche.

Il problema è che un casco da arrampicata ci protegge da un proiettile superiore. (pietra che cade, eccetera), ma non impatto sulla velocità. A testa in giù di uno sci alpino, che ci protegge dall'impatto in velocità, ma non da una pietra che cade, per esempio. Non sono pronto per quello.

Il risultato è quello, su 2017, pochissime persone indossavano il casco durante questa attività. Perché in più, lo sci alpino, non utilizzabile in questa pratica aerobica e atletica. Come si diceva, Lo sci di fondo con un casco alpino è come andare in bicicletta con un casco da motociclista.

Camp Speed Comp, casco ultraligero para esquí de travesía de doble homologación. Foto: Camp

Camp Speed ​​Comp, casco ultraleggero per scialpinismo con doppia omologazione. La foto: Campo

E perché lo diciamo fino a quando 2017? Perché quell'anno l'ISMF (Federazione Internazionale di Sci di Montagna) ha deciso di forzare un casco da indossare in tutte le sue prove. E che quei caschi siano conformi alle due approvazioni: sci alpino e arrampicata.

Facile non sembrava, se teniamo conto che devono essere anche freschi e molto leggeri. Ma i marchi, vincolato dalla regola, le batterie dovevano essere inserite, con ottimi risultati.

Oggi non ci sono scuse per proteggere la nostra testa. I tipi di casco, come hanno ottenuto le due omologazioni mantenendo leggerezza e aerazione, e qual è quello che ci si addice in base a quello che faremo, podéis leerlo en el artículo Come scegliere il tuo casco da scialpinismo

Lì troverai anche la risposta alla domanda da un milione di dollari: se questi caschi soddisfano la doppia omologazione, Posso salvare un casco, e usa l'incrocio per tutto, o ha i suoi svantaggi?

 

 

6. ARVA o DVA

Nonostante tutta la gestione del rischio che possiamo fare, (E nonostante gli studi indichino che la stragrande maggioranza degli incidenti da valanga che si verificano avviene a causa di una certa incoscienza o errore dello sciatore o del gruppo), possiamo sempre essere esposti all'imprevisto.

pertanto, dobbiamo sempre portare nel nostro zaino 3 elementi di sicurezza obbligatori (PENSARE, pala e sonda) e uno opzionale (zaino airbag).

ARVAS o DVA sono dispositivi che possono fare fondamentalmente due cose:

  • Emette un segnale radio pulsato
  • Ricevi un segnale radio pulsato

 

cioè: se qualcuno è sepolto sotto la neve da una valanga e ha un ARVA attaccato, possiamo localizzarlo con un ARVA in modalità ricevitore seguendo una delle linee di flusso dell'onda radio che emette. Per questo motivo è essenziale che tutti i membri del gruppo portino il dispositivo.

Mammut Barryvox S, uno de los más completos y mejores DVAs del mercado. Foto: Mammut

Mammut Barryvox S, uno dei DVA più completi e migliori sul mercato. La foto: Mammut

La cosa è un po 'più complicata, e ce ne sono di diversi tipi. In questo articolo, Cómo elegir tu ARVA o DVA para avalanchas explicamos todo lo que hay que saber sobre estos aparatos, quali tipi ci sono, e quali sono i più convenienti.

 

 

7. Pala e sonda

Se qualcuno viene seppellito in una valanga, una volta individuato con l'ARVA, il punto esatto deve essere rilevato inserendo una sonda nella neve, e poi spalare per salvarlo.

Tutto questo deve essere fatto rapidamente. E così, Anche se non sembra, pala e sonda sono essenziali, soprattutto il primo.

Perché?

 

    • Oggi gli ARVA hanno raggiunto un'ottima efficienza e velocità nel rilevamento
    • Sonda di lavoro, una volta che la persona si trova, può essere anche veloce

 

Così, Nella maggior parte dei casi, la maggior parte del tempo e dell'impegno viene speso per pagaiare, così, diventa critico.

Foto: Salewa

La foto: Salewa

Ecco perché è così importante conoscere i vantaggi e gli svantaggi di ogni tipo di pala., e quali requisiti minimi è necessario avere per conformarsi allo standard UIAA-156. (sì, È un elemento così importante da avere una specifica approvazione di sicurezza). naturalmente, figlio ultraligeras, resistente, e pieghevole.

Sobre todo esto y una cuantas cosas más podéis informaros en el artículo Come scegliere la pala da valanga e l'attrezzatura della sonda: tipi, vantaggi e svantaggi

 

 

8. Zaino con airbag

Lo zaino Airbag è un elemento di sicurezza opzionale che sta guadagnando molti numeri interi.

Sono la rivoluzione degli ultimi anni: in caso di valanga, spariamo ad un airbag che si gonfia e ci aiuta a galleggiare sopra la valanga, evitando di essere sepolto.

Mochilas Airbag, fundamentales si nos alcanza una avalancha. Foto: Barrabes

Zaini con airbag, fondamentale se una valanga ci colpisce. La foto: Barrabes

Funzionano secondo il principio fisico della segregazione inversa. È un fenomeno per cui, data una massa uniforme di particelle in movimento, quelli più piccoli affondano e quelli più grandi tendono a galleggiare in superficie. Un airbag gonfiato aumenta il volume della persona e amplifica notevolmente questo effetto di segregazione inversa.. così, lo zaino anti-valanga impedisce alla persona di essere completamente sepolta nella neve.

La forma dell'airbag, inoltre, protegge la schiena e la testa, essendo arrotondato acquisisce un'ottima galleggiabilità, e il colore brillante consente una rapida localizzazione.

Fino a poco tempo erano molto poco utilizzati, perché hanno lavorato con una cartuccia di gas monouso che "è esplosa" rilasciando il pallone. Erano costosi, non hanno permesso di praticare l'apertura (a causa del prezzo), e inoltre non potevano entrare negli aeroplani, eccetera.

Ma sono arrivati ​​i supercondensatori, e tutto è cambiato.

Di cosa sono i supercondensatori, perché il suo aspetto ha fatto diffondere l'uso di questi zaini, quali tipi ci sono, E a cosa servono questi zaini?, versa nuestro artículo Come scegliere lo zaino Avalanche Airbag; il tempo dei supercondensatori

 

 

9. Piccozza e ramponi

sì, effettivamente, nelle nostre uscite di sci alpinismo, nella maggior parte delle occasioni, dobbiamo portare piccozza e ramponi. La piccozza è fondamentale come il casco.

tuttavia, non vengono utilizzate piccozze e ramponi da alpinismo, ma alcuni speciali la cui caratteristica principale è il loro grande minimalismo e il loro peso minimo, ultraleggero.

Camp Corsa Nanotech, piolet ultraligero minimalista para esquí de travesía

Non vengono utilizzati continuamente: Andiamo a sciare, e con loro risolviamo passaggi difficili o pericolosi che non dovrebbero passare con le tabelle. Il suo utilizzo è inteso per momenti specifici durante l'attività. Quindi deve essere ultraleggero, piccolo e robusto in egual misura.

Camp Skimo Pure Nanotech, ultraligeros, para esquí de travesía

Camp Skimo Pure Nanotech, ultraligeros, per lo sci alpinismo

All'articolo CCome scegliere le tue piccozze per la montagna, sci e alpinismo os contamos todo sobre todos los tipos de piolets, sci compreso.

En el artículo Come scegliere i ramponi da montagna, alpinismo e sci hacemos lo mismo con los crampones, compreso lo sci alpinismo ultraleggero.

 

 

 

conclusione

Potremmo parlare di molte altre cose: capi di abbigliamento, guanti, ottica, eccetera. Ma questo è il materiale duro specifico di cui hai bisogno per lo scialpinismo., e questi sono i suggerimenti di sicurezza di base.

Benvenuto e benvenuto in un mondo affascinante.

 

RIFERIMENTO- BIOGRAFIA.

Elementi essenziali per lo sci alpinismo. Tutto il materiale e i consigli per i tuoi viaggi – Barrabes.com

Negozio Web: www.barrabes.com
Negozi di Barrabes: Barcellona, Benasque, Jaca, Madrid O’Donnell, Ribera de Tanners di Madrid, Saragozza.

INTRODUZIONE ALLA TOPOGRAFIA

1.1 introduzione.
Topografia, nome derivato della parola greca "topografia", i quali mezzi
descrizione del terreno, è una disciplina la cui applicazione è presente nella maggior parte dei
attività umane che richiedono la conoscenza della superficie terrestre dove
lo sviluppo di questa attività avverrà.
Nella realizzazione di opere civili, come gli acquedotti, canali, vie di comunicazione,
serbatoi ecc, nello sviluppo della pianificazione urbana, nel catasto, in campo militare, oltre
in archeologia, e in molti altri campi, la topografia costituisce un elemento
indispensabile.
Possiamo supporre che la topografia abbia avuto inizio dal momento in cui la specie
l'uomo ha smesso di essere nomade per diventare sedentario. La necessità di stabilire
confini precisi e invariabili nel tempo tra le proprietà hanno sicuramente dato origine al
primi metodi e strumenti di rilevamento elementari. I primi riferimenti di
scritto sull'uso della topografia risalente al tempo dell'impero egiziano, a lui
1.400 corrente alternata., dove è stato utilizzato per determinare i confini tra le proprietà nelle valli
fertile Nilo. Gli strumenti e i metodi che gli egiziani usavano nel rilevamento
furono adottati dai romani, dopo la loro occupazione dell'Egitto, e completato con il
trigonometria, sviluppato dai greci. I romani lo usavano
disciplina nelle loro opere civili, come acquedotti e strade. Un ingegnere e geometra
romano, Julius Frost, scrisse tra le altre opere il primo trattato di topografia,
di cui si sono conservate alcune copie delle sue parti, poiché l'originale è andato perduto. il
l'ammodernamento della topografia inizia all'inizio del XVII secolo, con lo sviluppo di
telescopio astronomico, ideato dall'astronomo tedesco Johannes Kepler e con la catena
sviluppato dal matematico inglese Edmund Gunter, che ha introdotto il primo standard
nella misurazione della distanza. Da questo secolo in poi, i contributi nei metodi topografici,
i calcoli numerici e gli strumenti erano costanti, fino a raggiungere la maturità a
all'inizio del XIX secolo. Nel XX secolo, la topografia è stata arricchita con il contributo del
fotogrammetria, per il rilievo di grandi aree, così come con gli strumenti
come il computer, distanziometro elettronico e livelle laser, così come con lui
Sistema di posizionamento globale.

RIFERIMENTO – BIOGRAFIA:

Luis Jauregui

SPEDIZIONE DELLA LINEA MAGICA K2

Cadiach, del Matta, Tosas, Corominas e Giró

indirizzo: Casillanis | Noce

Canale: Valentine Giró

anno: 2004 | Durata: 42:57

Video+alpinismo

La Magic Line è lo spirito del vero alpinismo: riscoprire le sensazioni di esplorare un terreno sconosciuto, cercare spazi di incertezza importanti in un mondo sempre più prevedibile, dove la maggior parte delle nostre azioni sono programmate e calcolate in anticipo”. Manel de la Matta

nel mese di giugno 2004 una squadra di cinque alpinisti -Oscar Cadiach, Manel de la Matta, Jordi Tosas, Jordi Corominas e Valentín Giró- Partono per il Pakistan con un grande sogno: salire il K2, la "Montagna delle montagne", por la vía Linea magica. Con i loro 8.611 metri di altezza, Il K2 non è solo il secondo picco più alto della terra. Su desnivel y verticalidad la convierten en el único ottomila che permette di vedere, dal campo base, ad un alpinista che si trova sulla stessa vetta. Si dice di K2, dalle sue dimensioni, che è una montagna che inizia dove finiscono gli altri. La storia della K2 Magic Line racconta come cinque alpinisti che condividevano valori si sono dati per fare un ambizioso

dream.https://youtu.be/ClvGfZSQoM0

Valentine Giró – Spedizione K2 Magic Line (versione spagnola) – Youtube

 

riferimento . biografia.

© 2018 Tecniche Scuola Internazionale di sopravvivenza

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si stanno dando il consenso alla accettazione dei cookies di cui sopra e l'accettazione della nostra Politica Cookies, Fai clic sul link per maggiori informazioni.

ACCETTARE
Avviso di biscotti